Biodiversita' e gestione degli ecosistemi | Biologia marina

Biologia marina

TitolareChiesa Stefania
Anno accademico 2018 - 2019
Periodo didattico II Semestre
C.F.U. 6
Codice ateneo 20410208
Settore Scientifico Disciplinare BIO/07

Obiettivi formativi del corso

L’insegnamento è una delle attività formative opzionali del corso di Laurea Magistrale in “Biodiversità e
gestione degli Ecosistemi”, e consente allo studente di acquisire una conoscenza di base della Biologia Marina
e delle problematiche legate alla conservazione dell’ambiente marino, con un’attenzione specifica rivolta al
Mar Mediterraneo. Obiettivi formativi dell’insegnamento sono: 1) acquisire i concetti di base di
Oceanografia, relativi ai fattori fisico-chimici ed ai movimenti del mare 2) acquisire le competenze di base
relative alla biologia ed agli adattamenti degli organismi marini, nonché alle principali biocenosi del Mar
Mediterraneo di interesse conservazionistico ed alla sua biogeografia 3) acquisire le competenze relative alle
principali tecniche di monitoraggio e raccolta dati in ambiente marino 4) acquisire i concetti e le competenze
relative alle criticità esistenti nel Mar Mediterraneo, ed agli strumenti disponibili per la sua gestione e
protezione.

Programma del corso

Parte 1- Introduzione alla Biologia Marina e all’Oceanografia. Breve introduzione alla Biologia Marina ed all’Oceanografia; origine e formazione degli oceani; fondali e sedimenti marini; caratteristiche fisico-chimiche degli oceani; movimenti del mare (correnti, maree, onde); focus sulle caratteristiche e la circolazione del Mar Mediterraneo.

Parte 2-La vita nel mare. Gli adattamenti degli organismi all’ambiente marino; la riproduzione ed i cicli vitali; le associazioni tra organismi; il benthos e la zonazione verticale; il plancton, il necton; gli ambienti profondi; gli ecosistemi di transizione, con particolare riferimento alle lagune costiere. Principali ecosistemi e biocenosi del Mar Mediterraneo di interesse conservazionistico. La biogeografia del Mar Mediterraneo. 

Parte 3- Metodi di campionamento e di monitoraggio in ambiente marino. Principali metodi di monitoraggio e raccolta dati in ambiente marino; la genetica e la genomica degli organismi marini: metodi di indagine classiche e nuove frontiere della genomica (environmental DNA e Next Generation Sequencing). 

Parte 4- Il Mar Mediterraneo e le sfide attuali per la sua gestione e conservazione. Cenni alle direttive comunitarie, le strategie ed i programmi di finanziamento rivolti alla protezione dell’ambiente marino e approfondimenti specifici sugli “hot topics”: adattamento e resilienza ai cambiamenti climatici; introduzione di specie alloctone, fenomeni di tropicalizzazione e meridionalizzazione; impatto delle plastiche; strumenti da pesca e sovra sfruttamento delle risorse ittiche; contaminanti ambientali e loro trasferimento dai comparti abiotici a quelli biotici.

Testi di riferimento

1) Cognetti G., Sarà M., Magazzù G. - Biologia Marina. Edizioni Calderini, Roma, 1999. 596 pagine (O successive ristampe).

2) Castro P., Huber M.E.- Biologia Marina. Mcgraw Hill Education, 2011.

DISPENSE ED EVENTUALE MATERIALE DI APPROFONDIMENTO VENGONO FORNITI DAL DOCENTE DURANTE LO SVOLGIMENTO DEL CORSO

 

E-address: stefania.chiesa@uniroma3.it 

Unità Didattiche

BIOLOGIA MARINA
Docente Tipo Attività Durata (h) Tipo Attività Formativa SSD CFU
Dott.ssa Stefania Chiesa LEZIONE 48 AFFINE/INTEGRATIVA BIO/07 6.0

Allegati

Titolo Destrizione